Il Concorso "Le Ombre del Tempo"

Sesta Edizione (1999)

Clicca per ingrandire

Il primo premio Ŕ stato assegnato a Mario Rossero di Villarfocchiardo (Torino) per la complessitÓ della realizzazione, l'eleganza e l'originalitÓ della meridiana su sfera armillare.
Anno di costruzione: 1998.
Localizzazione: abitazione dell'autore.

Clicca per ingrandire

Il secondo premio Ŕ stato assegnato a Renzo Righi di Correggio (Reggio Emilia) per la complessitÓ, l'eleganza e il gusto artistico del quadrante solare multifunzionale (a ore temporarie, notturne, siderali, calendario, schema siderico lunare, almanacco eclissi Sole/Luna 2000/2020) installato a Cogruzzo di Castelnovo Sotto (Reggio Emilia).
Anno di costruzione: 1998
Localizzazione: via Partigiani 8, Cogruzzo di Castelnovo Sotto (Reggio Emilia).

Clicca per ingrandire

Il terzo premio Ŕ stato assegnato a Joan Olivares Alfonso di Valencia (Spagna) per l'aspetto artistico, per la semplicitÓ didattica e per l'originalitÓ dei quadranti solari del Jardý de les Moreres di Benissoda, che in modo ingegnoso utilizzano gli elementi geometrici della scultura in cui essi sono inseriti.

Clicca per ingrandire

Sezione Professionisti

Mario Arnaldi di Lido Adriano (Ravenna) per la completezza gnomonica, l'interesse didattico e il valore estetico del gruppo gnomonico multifunzionale realizzato al Planetario di Ravenna.
Motto: Felicis Horae Ravennae.
Anno di costruzione: 1997. Localizzazione: viale Santi Baldini.

 
Menzioni
 
Sono inoltre state ritenute degne di menzione le opere realizzate dagli autori qui sotto elencati in ordine di merito:
  • Adelmo Eliogabili di Imola (Bologna) per una versione particolare della "sfera di Matelica".
  • Enrico Besutti e Alessandro Gunella di Biella per l'originalitÓ del quadrante solare in trasparenza.
  • Emilio Fornasa di Schio (Vicenza) per l'originalitÓ e l'interesse didattico del doppio quadrante equatoriale.
  • Mario Anesi di Torino per l'originalitÓ e la complessitÓ del quadrante solare verticale bifilare.
  • Francesco Ferro Milone di Torino per l'aspetto estetico del quadrante solare a riflessione.
La giuria ritiene sempre degna di rilievo la partecipazione al concorso di restauri gnomonici e segnala pertanto Mario Anesi di Torino per la meridiana di Lanzo (Torino) e Pier Carlo Tuninetti di Pinerolo (Torino) per il quadrante solare verticale di Meano (Torino).

 

La giuria ritiene degna di rilievo e di menzione la partecipazione delle scuole, vista l'efficacia anche didattica della gnomonica che aiuta ad accedere all'astronomia, alla geometria e alla matematica. La giuria esprime pertanto il proprio compiacimento ed apprezzamento verso gli insegnanti e gli alunni delle scuole che hanno partecipato al concorso e che ben volentieri qui menzioniamo:

  • Classe IV C (sperimentazione Brocca) del Liceo Scientifico Statale "G. Giolitti" di Bra (Cuneo), per una meridiana elegante, completa e didatticamente efficace.
  • Scuola Media "G. Sarto" di Castelfranco Veneto (Treviso), per una meridiana sferica, didatticamente efficace e semplice.
  • Classe V B (sperimentazione Brocca) dell'I.T.C.G. "L.B. Alberti" di Luserna San Giovanni (Torino), per un quadrante solare verticale, realizzazione complessa ed artisticamente bella.
  • Scuola Media Statale "F.lli Sommariva" di Cerea (Verona), per quattro quadranti solari portatili, realizzazione semplice e didatticamente efficace.
  • Classe III C della Scuola Media Statale "A. Gambaro" di Galliate (Novara), per un quadrante solare verticale, completo, elegante ed artisticamente gradevole.
  • Classe III C della Scuola Media Statale "L. Viani" di Viareggio (Lucca), per un quadrante solare verticale semplice e con un bel motto.