M 16 (Nebulosa ad Emissione con Ammasso Aperto)

Oggetto: M 16 (NGC6611)
Costell: Ser
Data: 05/08/2005
A.R. : 18h 18.8m
Dec  : -13░ 47'
Posa: 30 x 30 sec.
Telescopio: 400mm f/4.5
CCD : KAF-1603 ME (SBIG-ST8XME)
Clicca per ingrandire (98kb)
- Osservatori -
Marco MICHELI
Gianpaolo PIZZETTI
Tarcisio ZANI

La prima immagine deep-sky ripresa con il nuovo CCD

M 16 e' un giovane ammasso aperto (in alto a destra) inserito in una nebulosa brillante (IC 4703). Facilmente visibile, anche se per le nostre latitudini passa in meridiano abbastanza basso, ma Ŕ composto da stelle luminose e quindi anche con un modesto telescopio lo si pu˛ vedere.
La particolaritÓ di questa immagine Ŕ la nebulosa oscura centrale che assomiglia ad un'aquila che tiene tra gli artigli un "telefonino!", da questo il suo nome "Nebulosa aquila"
Il nuovo CCD con le sue dimensioni raddoppiate rispetto al precedente ha permesso di riprendere l'intera nebulosa.


Distanza dell'oggetto: 8.000 a.l.
Dimensioni: 35 x 28 primi d'arco. Diametro reale : 18 a.l.
L'immagine e stata ottenuta dalla somma di 30 riprese da 30 secondi ciascuna, elaborate con semplice stretching logaritmico e montate da Gianpaolo PIZZETTI. Colorato in LRGB.

L'oggetto era stato ripreso anche nel 1999. Per vederlo clicca .

Clicca per visualizzare l'Aquila